Pareggio agrodolce: la Virtus Nettuno rimonta nel finale, ma il Tor Sapienza allunga in classifica

Eccellenza, 21^ giornata: PC Tor Sapienza – Virtus Nettuno 2 – 2

PC Tor Sapienza (4-2-3-1): De Angelis; De Nicola, Marini (29’st Stramenga), D’Ignazio, D’Astolfo; Minelli, Marra; Mancini (20’st Graziani), Toracchio (26’st Panella), Sarmiento (36’st Ruggiero); Camilli (15’st Di Giovanni). A disp. : Mattia, Elia, Nargiso, Montesi. All. : Fabrizio Anselmi.

Virtus Nettuno (5-3-2): Cojocaru; Lucidi (32’pt Vantaggiato), Lauri, Cirilli, Poltronetti (15’st Giancana), Trincia (15’st D’Auria); F. Mauro (29’st Nardini), Miola, Cioè; Porcari, Loria. A disp. : Combi, Finotti, Bernardi, G. Mauro, Minnocci. All. : Gildaldo Panicci.

Arbitro: Franzò di Siracusa.

Marcatori: 14’pt e 46’pt Camilli, 16’st Vantaggiato, 47’st rig. Loria.

Note: 1’ e 5’ recupero; ammoniti Vantaggiato, Sarmiento, Loria, Lauri, Panella; al 49’st espulso Di Giovanni per condotta violenta; al 49’st espulso Lauri per somma di ammonizioni (proteste).

Beffa nel finale per la Pro Calcio Tor Sapienza, i ragazzi di mister Anselmi si fanno pareggiare quasi allo scadere dalla Virtus Nettuno quando il sapore della vittoria era già nel palato.

I gialloverdi mantengono l’imbattibilità (ora giunta a 18 partite consecutive) anche se per quanto visto al Castelli la vittoria sarebbe stata il giusto premio per una prestazione importante, in una giornata in cui mancavano due senatori come lo squalificato Santori e il febbricitante Della Penna.

Camilli sugli scudi – con D’Ignazio e Mancini a fare le veci dei due assenti, la Pro Calcio Tor Sapienza offriva un primo tempo sontuoso, splendido, dominato in lungo e in largo. Mentre la Virtus Nettuno con il 532 pensava più a difendersi che a proporre gioco, i gialloverdi macinavano chilometri.

Al 6’ Camilli scaldava il destro da fuori, calciando a lato, mentre al 12’ Sarmiento sciupava il regalo di Cojocaru, improbo nella sua uscita fuori dai pali, calciando debolmente a porta sguarnita, Cirilli allontanava con facilità.

Il gol promesso giungerà al 14’: sugli sviluppi di un’azione elaborata, Marra calciava al volo dal limite, Cojocaru respingeva non benissimo, la frittata la combinava Lauri che con un goffo intervento apriva un’autostrada a Camilli, tap in e palla nel sacco per il vantaggio gialloverde.

Punti nel vivo gli ospiti reagivano, al 20’ ci voleva un super De Angelis per negare il gol a Cioè, splendido intervento a mano aperta del portiere di casa sull’inserimento dell’ex Aprilia.

Risponde allo stesso modo Cojocaru, che al 30’ tira fuori i pugni sulla botta di Sarmiento dal limite.

Al 46’ però Camilli colpiva ancora: l’ariete del Tor Sapienza prima si guadagnava una punizione dal limite, poi colpiva con una parabola strepitosa facendo esplodere il Castelli, è 2 – 0.

Virtus Nettuno caparbia – Ma il doppio vantaggio non scuote la caparbietà degli ospiti, che con una punta in più, Vantaggiato, entrano in campo nella ripresa con grandissimo spirito: Loria impegna subito De Angelis, sicuro al 3’, ma al 17’ arriva il 2 – 1.

Su una rimessa di Cojocaru, Loria spizza e D’Astolfo buca l’intervento, si inseriva Vantaggiato che bruciava D’Ignazio e siglava un gol strepitoso, battendo con il mancino De Angelis con un tiro a là Aguero contro il Liverpool.

Svegliati dal torpore, i gialloverdi tenevano botta, riguadagnavano il pallino del gioco con l’ingresso di Graziani, ma non chiudevano la partita.

Grandissimi rimpianti al 41’ per un contropiede sprecato da Panella: l’ex Fregene correva in campo aperto, ma a tu per tu con Cojocaru sparava addosso all’esperto portiere romeno. Al 42’ è ancora bravo Cojocaru su Marra, nel recupero arriva la beffa.

Dopo che De Angelis aveva neutralizzato Nardini, sugli sviluppi del successivo corner corto il Tor Sapienza si fa sorprendere: Di Giovanni atterra Porcari e per l’arbitro siracusano Franzò è rigore.

Dal dischetto andava Loria, che calciava non benissimo ma era aiutato dalla fortuna, con De Angelis che prima parava e poi si vedeva sfuggire il pallone sotto la pancia.

Pareggio agrodolce – È un gol beffa, che priva il Tor Sapienza di una vittoria che avrebbe meritato per gioco e qualità. Nel finale i rossi a Di Giovanni e Lauri chiudono una partita agrodolce: il pareggio è amaro, ma le sconfitte di Pomezia e Audace permettono al Tor Sapienza di allungare sulle inseguitrici. La Pro Calcio resta prima a +5 sulla seconda, domenica prossima al Castelli arriverà un’Ottavia lanciatissima in zona play off.